Dokument-Nr. 6021
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
München, 14. Juni 1918

Regest
Aus zuverlässiger Quelle erfuhr Pacelli über Verhandlungen Burians in Berlin. Dieser habe entschieden die deutsche Anerkennung der sogenannten österreichisch-polnischen Lösung verlangt, während Berlin, besonders Staatssekretär Kühlmann, darauf bestand, dass Deutschland in Bezug auf Polen dieselben Rechte habe wie Österreich und vor politischen Schritten erst wirtschaftliche Abkommen zwischen Österreich und Polen geschlossen werden sollen. So sei man zu keiner Einigung gekommen.
Betreff
Sulla visita del Conte Burian a Berlino
Eminenza Reverendissima,
Sulla recente visita del Signor Ministro degli Affari Esteri austro-ungarico Conte Burian a Berlino mi si comunica da buona fonte:
Il punto più importante delle trattative è stato la futura sorte del Regno di Polonia. Il Conte Burian ha sostenuto risolutamente che la Germania doveva senza ulteriore dilazione dichiararsi pronta ad accettare la cosiddetta1 soluzione austro-polacca, ciòè che la Polonia tocchi all'Austria. La Germania ha già la Lituania, la Curlandia, l'Estonia e la Livonia, e può quindi esser contenta dei suoi guadagni.
Ma il Governo di Berlino ha mantenuto invece fermo il principio che la Germania deve avere assolutamente eguali diritti in Polonia e che, prima di risolvere il lato politico della questione polacca, debbono innanzi tutto esser
101v
concluse le convenzioni economiche circa la Polonia e coll'Austria-Ungheria.
Il Conte Burian, il quale, a quanto si dice, suol sempre parlare solo con tono di professore per lunghe ore, credette il primo giorno di aver persuaso il Governo di Berlino sulla giustezza della soluzione austro-polacca, ed è rimasto perciò sommamente sorpreso quando, il secondo giorno, si è trovato di fronte ad un'energica opposizione, specialmente da parte del Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Signor von Kühlmann.
Non si è quindi raggiunto alcun accomodamento su detta questione, come pure non hanno in genere fatto alcun notevole passo ulteriore le trattative per l'"approfondimento" dell'alleanza.
Chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
1"d" hds. gestrichen von Pacelli.
Empfohlene Zitierweise
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 14. Juni 1918, in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 6021, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/6021. Letzter Zugriff am: 08.12.2022.
Online seit 02.03.2011, letzte Änderung am 26.06.2019.